Elena Gaia
Collabora con WSI da dicembre 2020
Elena Gaia

Elena Gaia è nata a Bra, una tranquilla e sonnacchiosa cittadina della provincia di Cuneo tra il Roero e le Langhe, ma ha trascorso lunghi periodi durante la sua infanzia a Roddi d'Alba, nelle Langhe di Cesare Pavese e Beppe Fenoglio, nelle case dei nonni.

Dopo la maturità si è iscritta alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Torino, quindi si è trasferita a Milano, ove vive con la sua famiglia da più di mezzo secolo.

Laureatasi col prof. Castronovo, con una tesi sulle lotte operaie della Fiat, è stata dapprima redattrice presso una rivista femminile milanese, in cui era anche traduttrice dal francese e in seguito ha continuato la carriera di insegnante delle medie inferiori, iniziata fin dai tempi dell'Università.

Interessata alla Psicologia del Disegno ne ha approfondito gli studi presso la PUMS di Milano. La sua docenza, più che trentennale, si è svolta sempre nella scuole medie milanesi di periferia, occupandosi in particolare di alunni problematici e disadattati.

Il suo interesse per le problematiche adolescenziali e le disabilità, l'ha spinta a frequentare i corsi di Specializzazione per il recupero degli alunni disabili. Con la sua tesi sulla dislessia, relatrice Rita Sidoli, ha approfondito questa tematica ed è stata incaricata della Docenza in Educazione Linguistica per Docenti, presso i suddetti corsi. In seguito a queste nuove conoscenze ha ritenuto che le sue competenze in materia potevano essere utili ad alunni diversamente abili, per cui, seppure con rimpianto, ha lasciato la sua amata cattedra di Lettere per passare al sostegno.

Contattata dal Centro di Ricerca dei Docenti (IRRSAE) è stata ricercatrice e formatrice per lunghi anni, occupandosi di Ego/Etno Centrismi e di Differenze di Genere.

Dal 1995 ha iniziato, seguendo le proprie inclinazioni, la Scuola degli Artefici dell'Accademia di Brera e, ottenuto il diploma nel 1999, ha frequentato la Libera Scuola di Nudo dell'Accademia di Brera per approfondire lo studio della figura, attività che svolge tuttora nell'atelier di Massimo Geloso.

Contemporaneamente ha frequentato per sei anni la bottega di un pittore milanese, Elio Grisa, per perfezionare l'uso dei colori ad olio.

Desiderosa di conoscere tecniche più libere ha frequentato i corsi di Ettore Maiotti ed è stata socia della Famiglia Artistica Milanese ove ha esposto ripetutamente in collettive i suoi lavori. Ha così iniziato a partecipare a concorsi, mostre, collettive e personali, in Italia e in Francia.

Terminata la carriera di insegnante si è iscritta all'Accademia di Brera laureandosi in pittura col prof. Stefano Pizzi, relatrice Virginia Cardi, con una tesi sulla maschera e sul mascheramento, nel 2008 e in Arti Visive col prof. Francesco Correggia e relatrice Paola Salvi con una tesi sul corpo dall'antropologia al postorganico, nel 2010.

Dal 2011 è docente di Storia dell'Arte Moderna e Contemporanea presso l'UTE del Lions Milano Host presso il Museo delle Stelline di corso Magenta a Milano.

Le lezioni agli adulti la impegnano molto per le continue ricerche, ma la soddisfano perché ha modo di occuparsi dell'argomento che più l'appassiona: il mondo dell'arte. Continua nel frattempo a dipingere e ad esporre i suoi lavori. Come pittrice conosce le tecniche, avendole tanto studiate e continua ad amare e praticare il disegno, suo primo amore. Utilizzando tutte le tecniche pittoriche, ha maturato una personalità artistica molto creativa, che non le permette di esprimersi con una sola modalità di pittura essendo alla continua ricerca della fusione perfetta tra la sua ideazione e la manualità, tuttavia ama molto il colore, ammira tra gli artisti soprattutto gli Espressionisti Tedeschi, i più vicini al suo sentire, per cui dipinge con colori violenti, ma sempre ben calibrati e integrati. Motivo di ispirazione è soprattutto la natura, convinta com'è che sia la più grande opera d'arte. La sua passione, dall'infanzia, per la lettura la porta a dedicarle, tutti i giorni, ciò che resta del suo tempo libero, inoltre ama molto la cucina e si diletta a cucinare gli antichi piatti del ricettario ereditato dalla nonna.

Attualmente è redattore di articoli di arte sulla rivista online Frattura Scomposta e collabora con Wall Street International Magazine.

Articoli di Elena Gaia

Subscribe
Get updates on the Wall Street International Magazine